Consorzio per la salvaguardia dei castelli storici del Friuli Venezia Giulia
Motore di ricerca
×

Sant Denêl

Dal sigûr al esisteve di prime dal 1267 e si sa che al jere logât inte part plui alte dal cuel, dulà che e je ancjemò la torate adatade a tor di cjampanili. De descrizion di Jaroni Sini, o savìn che tal secul XVI il cjistiel al jere formât di trê puartis, di vot toratis e di une cente murade di 462 curmei. Il lûc dulà che al jere fat sù al fo vendût di Lenart e Carli di Var a Jacum Concine che al cjapà la investidure de Serenissime tal 1756; ancjemò in dì di vuê, il lûc al è dai dissendents di chê famee. Dai documents cjatâts e di ce che al è restât si pues dedusi che il cjistiel al ves tal mieç il turion, cun a pâr la gleseute, la cjase dal Gastalt, chê dal cuarp di vuardie e i magazens. Chel setôr al jere protezût di mûrs siei: plui in là di chei, viers nord e est, a jerin logadis lis cjasutis dai habitatores, cengladis  ancje chês di muris. Plui injù, a mieze cueste, si disglagnave une tierce cente, cun devant roncâi e in cualchi pont infuarcide di bastions, fate sù inte seconde metât dal secul XV. Si jentrave inte fuartece passant par une torate de puarte cuntun puint jevadôr, suntun fossâl che al taiave di nord a sud dut il rilêf.