Consorzio per la salvaguardia dei castelli storici del Friuli Venezia Giulia
Motore di ricerca
×

Cjaurià

Di cualchi citazion dal 1112, 1139 e 1166, o savìn che i Cjaurià a vevin, tal secul XII, autoritât e jurisdizions civîls e criminâls. Sorestants dal 1219 in plui che di Cjaurià ancje des dôs jurisdizions di Tarcint, di chê di Divilin e di mieç Cjistiel Porpêt, a forin cjapâts dentri intes vertencis tra libars e ministeriâi daspò de elezion dal patriarcje Bertolt. Tal 1248 i Cjaurià, aleâts cun Ezzelino III di Romano, si meterin cuintri dal patriarcje Gregori di Montelongo, che par svindicâsi ju tacà, sdrumant il cjistiel.
Tal 1278, cu la muart di Fidrì IV e Detalm II, e finì la çocje antighe dai Cjaurià. Tal 1300 il cjistiel, infeudât dal patriarcje Pieri Gera a Luduì e Randolfin di Vilalte, che a cjaparin il gnûf predicât "di Cjaurià", al fo ripristinât. Brusât il 19 di Avrîl dal 1310 dal cont di Gurize, il cjistiel, dopo jessi stât tornât a fâ sù ancjemò une volte, tal 1351 al patì l'assedi di Nicolau di Lussemburc e tal 1419 la ocupazion venite. Fiscât te joibe grasse dal 1511, al tornà a nassi tes formis che al mantignì fintremai al taramot dal 1976.